Chi è la padrona nella dominazione

La dominazione e la sottomissione sono dei comportamenti o delle abitudini sessuali che prevedono il controllo totale di un individuo su un altro.

Per esercitare il proprio controllo su un “sub”, ovvero su colui che si sottomette, non è necessario il contatto fisico.

Esso può essere esercitato anche tramite e-mail o per telefono.

Ma nella maggior parte dei casi, la padrona, in un rapporto di dominazione e sottomissione, preferisce il contatto fisico e giunge, talvolta, al sadomasochismo.

Tra le pratiche più conosciute all’interno di tali rapporti è degna di nota quella di portare al guinzaglio colui che si sottomette, il quale riceve un collare come regalo da parte della sua padrona.

Ogni padrona che si rispetti sa esattamente come fare per non recare danno fisico né psicologico al sub che gli è stato affidato. Si tratta pur sempre di relazioni tra esseri umani, e la violenza gratuita con il fine di ferire gravemente il proprio partner non è nemmeno presa in considerazione.

Si pratica, invece, l’umiliazione con pratiche che prevedono far bere colui che si sottomette da una scodella per cani, farsi leccare gli stivali, sculacciare o frustare.

Tra le altre pratiche ricordiamo la schiavitù domestica, la castità forzata del sottomesso, l’umiliazione verbale, l’umiliazione pubblica e quella erotica, la deumanizzazione (che accade quando si forza il sottomesso a fingere di essere un animale o, addirittura, un oggetto), fino ad arrivare a pratiche come le golden showers, ovvero la pioggia dorata, che consiste nel farsi urinare addosso. Sono, queste, pratiche molto simili a quelle che troviamo nel mondo del sadomasochismo.

In questo tipo di rapporto, il padrone o la padrona, ovvero la parte dominante, prova piacere e gode sessualmente nel vedere un altro essere umano sotto il suo completo controllo.

I padroni, spesso, non si limitano ad un solo partner, ma ne hanno di numerosi, e il sentimento dell’amore verso uno degli schiavi non è sempre presente.

Esistono coppie estremamente innamorate che praticano la dominazione e la sottomissione nell’intimità della propria casa, altre coppie che, invece, cercano altre persone con interessi simili e ben separano l’amore dal gioco.

Bisogna precisare che il rapporto tra Master o Mistress e il proprio partner si basa principalmente sulla fiducia reciproca.

Spesso si decide il giorno prima cosa succederà la prossima volta, visto che questi incontri vengono anche definiti “scene”, che possono essere terminate da parte del sottomesso, il quale, quando lo riterrà opportuno, dirà una parola chiave previamente accordata.

Quelli che assumono il potere sono chiamati “dom” o “master”, per la precisione “doms” e “master” per gli uomini e “dommes” e “mistresses” per le donne.

Esiste anche la Dominatrix, termine solitamente riservato per una femmina dominante professionista che sottomette altre persone a pagamento.